La rivoluzione di Lenin non è finita Resta tra noi l’eredità dei bolscevichi

loading...

S, utile ripercorrere e ripensare la storia della rivoluzione russa, come ha fatto il Corriere della Sera nel volume 1917 Ottobre Rosso, in edicola da oggi con il quotidiano. Perch, anche se l’Urss scomparsa, l’eredit dell’opera di Lenin e Stalin non si affatto dissolta. Lo sostiene Andrea Graziosi, autore di un’ampia Storia dell’Unione Sovietica in due volumi edita dal Mulino: Per oltre due secoli, dall’epoca dello zar Pietro il Grande e in parte anche da prima, la Russia aveva cercato di avvicinarsi all’Europa. E ci era riuscita, come dimostra la sua fioritura culturale nell’Ottocento. Ma la rivoluzione d’Ottobre segna una frattura che non si pi sanata. Con il regime sovietico inizia una divaricazione a cui neppure la caduta del comunismo ha posto rimedio. Mentre alcune componenti dell’impero smembrato, dall’Ucraina alla Georgia, sono attratte dall’Europa, le forze che spingono in tal senso a Mosca sono molto pi deboli che in passato. In questo come in altri aspetti (penso al modo in cui rivendica come fonte di legittimazione la vittoria nella Seconda guerra mondiale), il regime di Vladimir Putin segnato dal lascito sovietico.

La copertina del libro in edicola dal 12 ottobre con il Corriere

Eppure i bolscevichi guardavano ai Paesi industrializzati. Ma Lenin — ricorda Graziosi — fu il primo ad essere colto di sorpresa dagli eventi: poco prima che cadesse lo zar, aveva dichiarato nel suo esilio svizzero che non sarebbe vissuto abbastanza per vedere il socialismo in Russia. Poi colse con grande abilit ed energia l’occasione rivoluzionaria che si era presentata, ma nell’ultimo periodo della sua vita si chiedeva se avesse fatto bene. Siamo saliti sul treno, scrisse, per non sappiamo se vada nella direzione giusta.

I bolscevichi erano una esigua minoranza, come s’imposero? Prevalsero nelle citt della Russia con l’appoggio del proletariato urbano stanco della guerra e di alcuni reparti militari, sia quelli che stavano al fronte e desideravano la pace, sia quelli che in prima linea non ci volevano andare. Dopo aver rovesciato un governo molto debole, proclamarono la terra ai contadini, l’autodeterminazione alle minoranze nazionali dell’impero, e insomma dissero formalmente di s a tutte le richieste principali delle masse popolari.

Per fu pi difficile rimanere in sella, osserva Graziosi, affrontando una feroce guerra civile: I bolscevichi ressero perch rifondarono lo Stato su nuove burocrazie, specie l’apparato militare e quello poliziesco, assorbendo anche settori dell’amministrazione e del corpo ufficiali ereditati dallo zar, ormai convinti che seguire Lenin fosse l’unica strada per rigenerare una grande potenza russa. Riuscirono a guadagnarsi la parziale neutralit dei contadini, che temevano di perdere, oltre al grano presogli dai comunisti, anche la terra se avessero vinto i controrivoluzionari. Inoltre i bolscevichi costruirono lo Stato, promuovendo in massa uomini capaci e risoluti provenienti dalle classi umili. Era di solito gente brutale, che infatti poi trov in Stalin il suo capo pi idoneo: un uomo crudele, ma di acuta intelligenza, che dimostr doti notevoli nell’edificazione del nuovo Stato.

Un fallimento drammatico si registr invece in campo economico: Il cosiddetto comunismo di guerra introdotto nel 1918, con le requisizioni forzate di derrate agricole, fu poco pi di una rapina per tenere in piedi le forze armate e gli apparati statali. Ma pi in generale la gestione amministrata dell’economia da parte dello Stato, secondo i dettami della dottrina marxista, si rivel un disastro. La Nep, la relativa apertura al mercato adottata nel 1921, fu l’ammissione di uno scacco, e fall anche il tentativo di Stalin di rivitalizzare l’economia di comando al momento del lancio del piano quinquennale nel 1928-29.

Una scelta nella quale cont il pregiudizio ideologico: I dirigenti sovietici credevano davvero nel cosiddetto socialismo scientifico. Stalin s’ispir ad alcuni testi di Marx mentre preparava i provvedimenti contro i contadini. E ancora nel 1930 in Urss ci fu un secondo tentativo di abolire la moneta, dopo quello abortito della prima fase postrivoluzionaria. Alla fine il sistema economico emerso negli anni Trenta ci appare il frutto di un aggiustamento tra i dettami del marxismo e la realt, che riusc a durare anche grazie alle immense risorse naturali di cui disponeva l’Urss, oltre che alla vittoria del 1945. Lo stesso Mikhail Gorbaciov del resto credeva nel socialismo e cerc di salvarlo con le riforme.

Ben pi saggi, secondo Graziosi, si sono dimostrati i comunisti cinesi: Krusciov, che pure non era stato direttamente colpito dalla repressione staliniana, condann Stalin, ma conserv il sistema economico da lui costruito; Deng Xiaoping, che era stato epurato e il cui figlio era stato torturato, non svalut la figura di Mao Zedong, ma ne demol completamente le scelte economiche. Una strategia che ha funzionato bene. Oggi la Cina ha conservato in parte l’impronta del bolscevismo: governata da un partito di stampo leninista, che si rivelato uno strumento efficace per gestire il potere politico. Ma Pechino ha rinnegato la dottrina marxista e si affidata con successo al profitto per produrre sviluppo e ricchezza.

La spartizione dell’Urss tra diverse repubbliche non dimostra che anche la politica sovietica verso le nazionalit stata un fiasco? No — risponde Graziosi —, evitiamo di scambiare l’effetto per la causa. L’Urss crollata perch il suo sistema economico, tra il 1985 e il 1988, si dimostrato irriformabile. Solo allora le rivendicazioni nazionali hanno preso il sopravvento e proprio perch le repubbliche erano rimaste l’unica realt solida alla quale ci si poteva aggrappare. Stalin, da giovane un fervente patriota georgiano, sapeva che l’appartenenza nazionale pi forte della coscienza di classe. E plasm l’Urss come una federazione di Stati costruiti ciascuno intorno a una lingua nazionale. Un modello che, in forma democratica e non monopartitica, stato imitato dall’India, strutturata anch’essa come un’unione di Stati linguistici: un altro esempio di quanto pesi ancora, nel mondo di oggi, l’eredit della rivoluzione sovietica.

11 ottobre 2017 (modifica il 11 ottobre 2017 | 23:44)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento